www.DUB.cz
UNIVERSITÁ
českyenglishdeutchfrancaisespanolitalianorussiangreek

PREAMBOLO

Chi siamo

UNIVERSITÁ

Biblioteca

LEZIONI

CONCERTI

ŘÍP

MOSTRE

FIERE

Bioconstruct

J. Z.

RISANATORI

T. P.

Fondo di dotazione

Contatto
 
E-SHOP
 

CHI SIAMO

IN PRINCIPIO C´ERA IL TAVOLO

Ci sono tanti tipi di tavolo. La storia di questo inizia a Pasqua dell´anno 1945. É il 30 marzo e l´uomo che sta seduto a tavola é giá da lungo tempo accompagnato dai fenomeni straordinari. Ciononostante non si puó dire che la sua vita sia stata fino a questo momento straordinaria. Ma cambia immediatamente. All´improvviso, senza nessun avvertimento, viene cambiata la sua percezione, il suo modo di comprendere le azioni e del mondo, e allo stesso si estende la sua coscienza. Tutto é cosí nuovo - sconosciuto e contemporaneamente conosciuto. É uno stato spirituale molto profondo. Proprio questo giorno é il giorno del suo trentatreesimo compleanno. Lo chiameremo J.Z.
stůl J.Z. Piú tardi sta raccontando: "É stato come se mi fossi all´improvviso ricordato di qualcosa che avevo giá saputo e piú tardi mi ero dimenticato." Non imparava niente, non ascoltava nessuno eppure a un colpo sa. Cerca di risapere che cosa sia successo e perché. Appena sta facendo la conoscenza del nuovo stato. Perció sta rivolgendo la parola a tanta gente, a tanti ecclesiastici ma nessuno conosce lo stato presente. Siamo davanti al colpo di Stato comunista, poco dopo la guerra. La gente si sente alleggerita, la vita mondana e culturale comincia di nuovo a svolgersi. Il mondo é bellissimo. In quel periodo partecipa a una conferenza, dove dal podio un medium, rivolgendosi ai presenti, dice: "Sto parlando all´uomo seduto in quella fila a sinistra." Tutti si voltano - era J.Z., poi prosegue: "É arrivato il tempo del tuo risveglio, fra non molto verrai a saper il resto." Allora aveva aspettato che cosa sarebbe successo - ed é successo. Era cominciato senza dare nell´occhio, nella sua bottega era entrato un uomo, il quale all´improvviso come non sapesse perché era entrato. J.Z. osserva: "Allora quello sará un karma." L´uomo lo guarda meravigliato e gli domanda: "Lei sa che cos´é il karma? Non é abituale." Si mettono a parlare e l´uomo gli dice che é un membro del gruppo spiritualista a porte chiuse (a proposito i nazisti, come piú tardi i comunisti si sbarazzavano dei gruppi spiritistici, a volte persino delle singole persone, d´altronde lo fa ogni mentalitá totalitaria fino ad oggi), che si radunano da anni, ma nessun altro era stato accolto durante quel periodo, e che hanno davvero un maestro altolocato spiritualista non incarnato.
J.Z. Il giorno dopo il cliente, se possiamo chiamarlo cosí, lo aveva ricercato di nuovo, gli occhi spalancati- era successo qualcosa di incredibile. Comincia a raccontare che casualmente proprio il giorno precedente hanno avuto una seduta e il maestro gli ha detto che aveva incontrato una persona che avrebbe dovuto andare a prenderlo, lo ha descritto - é stato J.Z. Era successo - il maestro non incarnato aveva una grande saggezza ma era anche eccezionalmente chiaroveggente. Eccezionale per quel motivo che indicava non solo le date degli avvenimenti ma anche l´ora con una precisione di minuti. Quello fondamentale che J.Z. aveva detto era stato: "Hai due doni - il dono della terapia e il dono dello spirito. Con il secondo dono svilupperai la terapia e anche la filosofia. Non ascoltare piú nessuno, nemmeno me. Si é avvicinato a te un altro essere che creerá un´altra azione." E di nuovo si doveva aspettare. Nel giorno indicato suona il campanello e dietro la porta ci sono due signori nei cappotti di pelle. Era seguito l´arresto e il trasporto nella prigione di Pankrác. Quella volta hanno arrestato tante persone che avevano lavorato per la resistenza occidentale. Anche J.Z. aveva lavorato per essa. Perché lo hanno arrestato davvero non era mai riuscito a scoprirlo. La sua casa era diventata una piccola cella affollata. Dopo un po´di tempo hanno liberato la maggior parte dei prigionieri all´amnistia, solo J.Z. no. Ha chiesto alla guardia carceraria che cosa succedeva ed ecco la risposta: "Non domandare, chi deve pendere non si bagna." Poi J.Z. solo aspettava passando per il corridoio attorno al cortile, quando avrebbe suonato il comando "fermi, con la fronte al muro". Nel cortile infatti si giustiziava. Ma la guardia carceraria non ha detto niente e J.Z. é stato scarcerato a causa della cosiddetta abolizione. Piú tardi viene a sapere che aveva dovuto passare davanti al suo patibolo, perché nella vita passata sia stato anche giustiziato. Quel piú sensazionale riguardante tutta la storia é arrivato, quando J.Z. era tornato a casa. Lo aspettavano i coniugi anziani del gruppo spiritualista, hanno guardato l´orologio e hanno detto: "Sei puntuale." Nella sua assenza il maestro non incarnato aveva comunicato il giorno, l´ora e anche il minuto del suo arrivo malgrado che fosse scarcerato dal carcere assolutamente "casualmente". E aveva sempre ragione anche negli avvenimenti seguenti. Giá nell´anno 1945 ha annunciato, per esempio, la disgregazione della Cecoslovacchia ma non solo quello!! Da tanto sta aspettando il suo tempo. Seguono tanti anni di lavoro fruttuoso in condizioni difficili e con la continua sorveglianza dalla polizia e la persecuzione. Il suo nome sta diventando gradualmente molto conosciuto, e non solo nella Repubblica Ceca. Sta diventando il filosofo e il guaritore sconosciuto nel suo Paese ma conosciuto in tutto il mondo. Ma tutto questo avrete possibilitá di giudicarlo da soli, quanto sopra citato é solo per darvene un´idea.
Il dono dello spirito e della meditazione di J.Z. sta all´inizio di tutto ció che troverete nelle pagine presenti.
Le ulteriori informazioni di J.Z.le troverete facendo clic sull´icona omonima.
 

Doporučit stránku e-mailem (0)